Scrivici: segreteria@mondoliquido.it
Chiamaci: +39 392 1608853
+39 338 2746285

Acqua e Autismo

Acqua e Autismo

  • A BREVE LE NUOVE DATE PER L'ANNO 2016/2017

PHOTO GALLERY formazione

Intervista L'Autismo PROF.di Salle e Dott. Alfonso D'angelo


PRESENTAZIONE DELL'ATTIVITA'

Le tecniche dell'acquapsicomotricità si applicano ai problemi dell'autismo infantile e non, per aiutare i bambini  e gli adulti affetti da questa condizione a sviluppare le loro capacità psicomotorie.

L’acqua si presenta come mediatore comunicativo e relazionale di esperienze e vissuti corporei e motori; l’attività corporea e motoria realizzata in acqua con bambini e ragazzi con spettro autistico, permette di costruire un contesto educativo alternativo capace di stimolare i bambini ad entrare in relazione con l’altro, favorendo l’instaurarsi di molteplici opportunità di interazione e comunicazione. L’utilizzo pedagogico e psicomotorio dell’oggetto, del corpo, del tempo e dello spazio all’interno di programmi operativi mirati. 
L’azione educativa oggetto di relazione, si configura come spazio simbolico nel quale si assiste a una vera e propria negoziazione di significati costruiti attraverso metafore corporee e motorie. L’operatore saprà agire professionalmente in autonomia o in collaborazione con differenti figure professionali e con il mondo dell’associazionismo; potrà inoltre organizzare le attività in strutture pubbliche, private, socio-educative.

VAI ALLA DESCRIZIONE DELL'ATTIVITA'


Il carattere della formazione è squisitamente educativo e non vi è nessuna pretesa terapeutica e riabilitativa; "non aggiustiamo ossa" e non riabilitiamo a livello fisioterapico, motorio e psicoterapeutico.

La formazione è realizzata per le sedi di Salerno in collaborazione con l'associazione "Autismo fuori dal Silenzio", per le sedi di Brescia e Milano con l'associazione "Autismando".

Per il 2015, i genitori di bambini/ragazzi autistici interessati a seguire il corso, potranno partecipare GRATUITAMENTE in qualità di uditori (massimo due genitori per corso).

Non sono previsti crediti ECM per questo corso.


 
  • FORMATORI

  • DESTINATARI
    Laureati in scienze dell’educazione e della formazione, psicologiche, pedagogiche, motorie e triennale di psicomotricità, educatori, fisioterapisti, operatori sanitari e tecnici di settore, tecnici della neuro e psicomotricità, istruttori di nuoto, genitori e chiunque desideri approfondire l'argomento.

    Non sono necessarie particolari abilità natatorie.
    E' invece necessario considerare gesti semplici con meraviglia, curiosità e piacere per l'attesa.
  • OBIETTIVI
    Organizzare, gestire e condurre un attività di acquapsicomotricità per soggetti con spettro autistico, difficoltà di  relazione e comunicazione offrendo un contesto educativo alternativo (una palestra esperienziale per esprimere i linguaggi del corpo e del movimento).
  • PROGRAMMA FORMATIVO
    Struttura del corso
    Il corso si articola in cinque moduli teorico/pratici distribuiti nel corso di 3 giornate formative:
    • Modulo 1: Autismo e disturbi generalizzati dello sviluppo;
    • Modulo 2: Educarsi al corpo e al movimento (in acqua e a terra);
    • Modulo 3: L’attività in acqua con i bambini;
    • Modulo 4: Contesto di lavoro e pratiche acquaticomotorie;
    • Modulo 5: laboratori di progettazione e programmazione.
    Modulo 1
    Che cos’è l’autismo
    • Storia e definizione del concetto di autismo;
    • Autismo e Disturbi dello Spettro Autistico: differenze;
    • Autismo a basso funzionamento ed alto funzionamento;
    • L’intersoggettività nei bambini con autismo;
    • Relazione (la sua importanza, conoscere i deficit che stanno alla base della relazione);
    • Cosa sono i comportamenti problema  in relazione a labile confine tra terapia ed educazione;
    • La famiglia e l’autismo: gli autismi quotidiani.
    Modulo 2
    Educarsi al corpo e al movimento secondo l’approccio educativo, espressivo e psicomotorio (teorico- pratico)
    • L’ acquapsicomotricità: storia dell’acquaticità, significati e interpretazioni, corpo teorico di riferimento,
    • Quando l’acquapsicomtoricità diventa educativa;
    • Il corpo in acqua;
    • L’educazione acquatica dell’operatore; conoscere, percepire e abitare l’acqua (stare e agire nel contesto acquatico);
    • Educarsi ed educare al corpo e al movimento in acqua: aspetti motori, corporei, relazionali e natatori;
    • Esperienze corporee: laboratorio esperienziale di Body Work, attività ludico espressiva e pratiche di rilassamento.
    Modulo 3
    L’attività in acqua con i bambini/ragazzi con spettro autistico
    • Nascita e origini dell’attività;
    • Elementi costitutivi dell’attività;
    • Il contesto di lavoro: dalla struttura al piano vasca;
    • L’operatore: caratteristiche, competenze, modalità di proposta, atteggiamenti, ricadute applicative;
    • La pragmaticità della relazione educativa;
    • Il rapporto operatore/genitore;
    • Il rapporto operatore/bambino;
    • Il bambino e l’acqua;
    Modulo 4
    Contesti di lavoro e pratiche acquatico-psicomotorie
    • Gli elementi costitutivi della disciplina psicomotoria ed elementi teorici di riferimento;
    • Il materiale e il suo utilizzo;
    • La struttura di un incontro;
    • Allestire il contesto di lavoro (spazi e materiali);
    • Le fasi di lavoro;
    • La proposta acquaticopsicomotoria in relazione all’operatore, al destinatario, agli spazi, ai materiali;
    • Elementari aspetti natatori presenti nell’attività;
    • Il ruolo e le funzioni dell’operatore;
    • La mediazioni dell’esperienza vissuta;
    • Osservazione e documentazione dell’attività: schede e griglie.
    Modulo 5
    Laboratorio di progettazione e programmazione di attività, progetti e proposte (lavoro di gruppo)

    Modalità di proposta:

    Lezione frontale;
    Presentazioni di progetti già realizzati;
    Discussione di casi;
    Testimonial;
    Esperienze laboratoriali in acqua e a terra (Water Body Work);
    Lavori e giochi di gruppo;
    Foto e filmati.

    I contenuti in programma potrebbero subire modifiche.
    Materiale soggetto a registrazione.

    Modalità di verifica
    I partecipanti sono invitati a consegnare un elaborato scritto relativo ai contenuti proposti durante il corso. Le scadenze della consegna dell’elaborato saranno indicate in sede di corso.

    Tirocinio:
    Il tirocinio prevede diverse possibilità di realizzazione.
    Le modalità, di esecuzione del tirocinio e il monte ore dello stesso sono conseguenti ad una valutazione del curriculum personale e professionale di ogni singolo partecipante alla formazione.
    Le attività di tirocinio consistono in: osservazione e/o conduzione di attività in acqua. Potrà essere effettuato anche presso una delle nostre sedi.


    Frequenza: 3 giornate formative (venerdì, sabato, domenica), dalle 09:30 alle ore 18:30 (circa).

    Certificazioni rilasciate:;
    • Attestato di frequenza;
    • Tessera d'iscrizione ad A.S.D Acqua-psicomotricità e dintorni affiliata CSEN/CONI;
    ECM non previsti per questo corso.





  • ISCRIZIONI E CONTATTI
    Per iscriversi al corso è necessario compilare il modulo(a fianco) ISCRIZIONE .

    Per informazioni o domande da porre alla segreteria compilare il modulo(a fianco) CONTATTI 

    Quota di partecipazione alle tre giornate formative: euro 280,00 compreso Tessera base CSEN/CONI.


    Al termine del corso verrranno rilasciati:
    • Attestato di frequenza;
    • Tessera d'iscrizione ad A.S.D Acqua-psicomotricità e dintorni affiliata CSEN/CONI  e tessera base CSEN/CON
    ECM non previsti per questo corso.

    Al fine dell'ottenimento della certificazione Diploma  CSEN/CONI come "Operatore in Acquapsicomotricità e Autismo";

    I partecipanti sono invitati a consegnare un elaborato scritto relativo ai contenuti proposti durante il corso. Le scadenze della consegna dell’elaborato saranno indicate in sede di corso.

    Avvertenze: per l'ottenimento della certificazione è necessario aver svolto le attività di tirocinio e consegnato l'elaborato nei tempi previsti, diversamente il corsista avrà acquisito solo una formazione che non autorizza all'applicazione pratica dei contenuti proposti dal corso.

    Il corsista intenzionato a concludere l'iter formativo potrà usufruire:
    • di  contatti continuativi con il tutor - Dott.ssa Faustini Moira o suoi delegati (al quale si presenterà entro una settimana dal corso, oppure in tempi concordati individualmente, il titolo scelto per la compilazione dell'elaborato e con il quale concordera  tempi e il luogo di tirocinio in relazione alle possibilità individuali di ogni singolo studente).
    • di supporto nella ricerca del luogo o della situazione idonea alla realizzazione del tirocinio.
    • di tutoraggio continuo sull'esperienza di tirocinio intrapresa,
    • di supervisione psicopedagogica e psicomotoria del tirocinio
    • di consulenza in materia di progettazione di attività, progetti e programmazione dei singoli incontri per 6 mesi post formazione.
    Regolamento Iter post formazione

    La supervisione e la consulenza da noi intesa rientra a pieno titolo nella dimensione formativa e dell’aggiornamento continuo nonchè doverosa opportunità per l’operatore di poter riflettere sulle proprie pratiche e la progettazione delle stesse.

    Il tutto verrà realizzato seguendo lo studente a distanza senza il bisogno di spostarsi da casa.

    Al compimento delle funzioni verrà consegnato al corsista un certificato di valutazione dell'elaborato finale e del tirocinio e la certificazione di competenza tecnica CSEN/CONI relativa alla formazione maturata.
  • AVVERTENZE
    Il corso non si propone alcun obiettivo terapeutico o riabilitativo, tali competenze sono deputate esclusivamente agli operatori sanitari così come previsto dalla normativa vigente che regola le attività professionali.

    L’orientamento della scuola differisce rispetto a corsi analoghi che presuppongono, ERRONEAMENTE, la possibilità di sviluppare competenze terapeutiche, con o senza supervisione.
    Sono previste consulenze in fase di tirocinio e a richiesta nel periodo post-formazione,anche per gli operatori non facenti parte alle categorie sanitarie.

    Riteniamo sia di fondamentale importanza evitare ogni possibile fraintendimento che esporrebbe i corsisti a significative responsabilità legali.